..Io a casa. Quest’anno non sono stata con i miei genitori e i miei parenti in puglia,si,direte voi lo hai passato con la tua famiglia! I i miei figli li ho visti solo all’ora del pranzo,anzi mia figlia non c’era nemmeno il giorno di Natale,un pò sola mi sono sentita ma che bisognare fare,infondo i figli sono come gli aquiloni. Arriva il giorno in cui si innalzano e tu devi insegnare loro a volare, tenendoli con quel filo esile che si dipana dalle tue mani. Possono cadere a terra più volte e tu dovrai ripararli e innalzarli ancora nel vento.
Ti chiederanno sempre più spago e per ogni metro che si dipanerà dalle tue mani, il tuo cuore si riempirà di gioia e di tristezza.
Via via che l’aquilone si allontanerà, avvertirai che il filo che ti unisce a lui prima o poi si spezzerà e lo vedrai volare libero e solo nel cielo della vita. In quel momento ti renderai conto di aver assolto il tuo compito di genitore e ti augurerai che il vento sia sempre propizio….