Capita alcuni giorni che finito di sistemare casa mi ritrovo sola e senza Milo perchè mia figlia lo ha portato a passeggio e, mi dico: adesso che faccio? Sono quei momenti  in cui ti viene da alzare il telefono e chiamare qualcuno, cosa che non faccio quasi mai. Non so se capita  anche a voi, ma negli ultimi anni ho notevolmente ridotto il numero di telefonate. Eppure ho sempre il telefono in mano.Certo, rispondo e chiamo, ma sono tutte telefonate brevi marito,figli o un amica che ti chiama per un saluto ma ha fretta di chiudere perchè ha da fare,invece la trovi online su facebook,solo la telefonata di mia madre è la più lunga e in quel caso sono io che le  dico di aver da fare per chiudere la telefonata. Non vi nascondo che un pò di anni fa se mi sentivo sola e non sapevo a chi telefonare  chiamavo il  gestore del mio  cellulare e parlavo con un operatore inventandomi qualcosa, pur di parlare con qualcuno… 😀 Ma quelle telefonate chilometriche in cui si discuteva indifferentemente sul senso della vita  sono solo  un ricordo del passato?… mi sa di si…Ok  i messaggi vanno bene, sono chiari e carini, ma volete mettere l’ebbrezza che ti dà una voce amica?…Un messaggio ti rimane, certo, lo rileggi, magari ti ci trovi un “ti voglio bene” che a voce non ti dice mai  nessuno,però la voce è la vita, è un suono che a volte vale più di una canzone.Anche se ormai siamo talmente condizionati dalla dittatura degli sms che le chiamate vengono in taluni casi, annunciate: “ti posso chiamare? sei libera? sei occupata?”Per non parlare poi del nome e   della foto che compare al momento della telefonata e ,c’è   anche la suoneria personalizzata per quel numero. Tant’è che gli unici brividi Immagine che viviamo sempre con sospetto e diffidenza  ce li procurano le chiamate da NUMERO SCONOSCIUTO 😀

Annunci