Una volta dormire insieme era considerato uno dei tanti atti d’amore previsti dal matrimonio o dalla convivenza e, chiedere al proprio partner di dormire altrove era considerato tabù…Col tempo  però, le esigenze si sono modificate, soprattutto per il gentil sesso, che oggi sembra decisamente più propenso alle camere separate, anche contro la volontà degli uomini che si rivelano, invece, più tradizionalisti….Io ad esempio sono favorevole a dormire in camere separate a, prescindere se si ama o non si ama” solo che mi manca la camera in pù”……Quel russare da locomotiva, quel suo rigirarsi come una cotoletta o come un elefante, quella sua sveglia la mattina che fa bi-bi-biiiiip un miliardo di volte quando voi avreste diritto ancora un bel quarto d’ora di sonno in più?Che dite? Sareste disposte a rinunciare al salotto per avere due camere da letto?  Io sììì….In casi in cui non c’è più l’amore o un rapporto di coppia,o magari solo per dormire meglio … le stanze separate possono essere una via d’uscita?…. ho letto un argomento che diceva: “Il desiderio di dormire in camere diverse può contenere in sé un giusto suggerimento, relativo alla sessualità…. Per molte donne l’intimità fisica con il partner non può essere l’atto finale di una giornata stancante, scontato perché si condividono le lenzuola. Ma deve essere scelto e costruito”…….trovo che sia giusto… Insomma, non basta allungare un braccio e pensare che sia tutto a portata di mano…….ecchecavolo…..

Annunci