Le ragazze sono come le mele

53 commenti

SHAKESPEARE : LE RAGAZZE SONO COME LE MELE

Le ragazze sono come le mele sugli alberi.
Le migliori sono sulla cima dell’albero.
Gli uomini non vogliono arrivare alle migliori, perchè hanno paura di cadere e di ferirsi.
In cambio, prendono le mele che sono cadute a terra, e che, pur non essendo così buone, sono facili da raggiungere.
Perciò le mele che stanno sulla cima dell’albero, pensano che qualcosa non vada in loro, mentre in realtà “esse sono grandiose”. Semplicemente devono essere pazienti e aspettare che l’uomo giusto arrivi, colui che sia così coraggioso da arrampicarsi fino alla cima dell’albero per esse.
Non devono cadere per essere raggiunte, chi avrà bisogno di loro e le ama farà di tutto per raggiungerle.
La donna uscì dalla costola dell’uomo, non dai piedi per essere calpestata, nè dalla testa per essere superiore.
Ma dal lato per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta e accanto al cuore per essere amata!
Dedicato a tutte le ragazze, tutte eccezionali, e anche ai ragazzi affinchè sappiano quanto vale una donna!

Annunci

53 commenti (+add yours?)

  1. Silvia
    Ott 16, 2013 @ 08:27:45

    ma manco ci provano più ad arrampicarsi!!!!!!
    Buona giornata Sara, sempre bello rileggere questa poesia 🙂

    Rispondi

  2. cucinaincontroluce
    Ott 16, 2013 @ 08:28:01

    Quanta verità in queste poche righe…. rammento quando mi disperavo perchè non trovavo un uomo che mi apprezzasse e non capivo il perchè in quanto ero socievole, bella e dotata di una buona intelligenza, mentre le amiche più scarsine erano già accasate… ora che ho un bravo marito e una discreta fila di uomini eccezionali pronti a farmi compagnia nell’eventualità che lui cambiasse idea comincio a rifletterci…. la mia autostima molto scarsa di allora mi faceva credere il contrario, ma evidentemente già all’epoca qualcosa di interessante avevo.
    Grazie per la riflessione! Un bacio,
    Tatiana

    Rispondi

  3. rodixidor
    Ott 16, 2013 @ 08:39:22

    Dissento, affettuosamente ma decisamente voglio dissentire da quanto scritto. Bella l’immagine del frutto sull’albero da raggiungere, ovviamente reversibile anche ai ragazzi, in ogni caso una bella immagine della amata/o da raggiungere. Ma io credo che succeda esattamente il contrario: il frutto più in alto, quello meno accessibile diventa sempre quello più desiderato e molto spesso le povere mele rovinate al suolo rimangono a marcire trascurate.

    Rispondi

  4. biobioncino
    Ott 16, 2013 @ 08:46:18

    per le mele che cadono perterra ci sono quelli che aspettano che cadono perchè impossibilitati a salire sulla pianta, nel mondo dell’amore nulla va perduto. ognuno a il suo giusto compagn/a al fianco…dio li va e poi li accoppia…:lol:) .lol:) buona giornata melina :twisted:)

    Rispondi

  5. biobioncino
    Ott 16, 2013 @ 08:47:16

    correggimi quel va con fa grazie..:lol:)

    Rispondi

  6. mairitombako
    Ott 16, 2013 @ 08:54:49

    ti lascio un buongiorno pieno di miele x te 🙂

    Rispondi

  7. 17lastella
    Ott 16, 2013 @ 08:55:32

    e quando le hanno le lasciano cadere

    Rispondi

  8. maria cavallaro
    Ott 16, 2013 @ 09:04:32

    Saffo

    La dolce mela

    Testo Originale

    Come la dolce mela rosseggia sull’alto ramo, alta su quello più alto,

    la dimenticarono i raccoglitori di mele …

    no, non la dimenticarono, ma non riuscirono a raggiungerla.

    Una convinzione che già nell’antica Grecia la poetessa Saffo metteva in versi, ma che forse oggi non ha più senso, dal momento che tante ragazze, ancora acerbe, si lasciano cadere dal ramo come mele bacate e spesso vanno incontro appena tredicenni, a episodi di violenza e pedofilia che fanno accaponare la pelle. Poche resistono alla tentazione, ci sarà un futuro anche per loro, ma intanto le altre vanno per la maggiore bruciando le tappe…Ciao Sara, è stato un bel ricordare questo post molto bello dedicato alle donne in questo periodo di femminicidi e di efferatezze.

    Rispondi

  9. tramedipensieri
    Ott 16, 2013 @ 10:12:10

    Anche Eva porgendo un mela ad Adamo prese quella più in basso dell’albero.
    Lo so non c’entra niente ma è venuta così…. 😉

    buona giornata
    .marta

    Rispondi

  10. Marco
    Ott 16, 2013 @ 10:27:30

    uhm! il problema che le mele in cima sono ormai rarissime, così rare che uno alla fine si accontenta di quelle a metà strada, e se non ci sono nemmeno quelle la fame porta ad accontentarsi di quelle a terra.

    Rispondi

  11. rcavallaretto1
    Ott 16, 2013 @ 12:10:52

    Ottimo pensiero, purtroppo le cose belle sono difficili da conquistare…mi hai fatto venire in mente la conquista del K2! E quindi, anche le ragazze migliori non si conquistano tanto semplicemente, anche perché molto spesso gli uomini non amano fare un sentiero tortuoso per arrivare in cima ad un monte….vogliono tutto a portata di mano, ma quella che c’è a portata di mano non può essere pregiata come quella che sta su in cima.

    Rispondi

  12. Rosa Andronaco
    Ott 16, 2013 @ 13:08:51

    buona giornata, sempre bello leggere questo pensiero..è vero.. ,a diciamo anche che le mele oggi cadono ancora prima di essere mature… hanno fretta e combinano guai :-*

    Rispondi

  13. Marì
    Ott 16, 2013 @ 13:08:52

    forse avrei dovuto cadere per terra….

    Rispondi

    • melodiestonate
      Ott 17, 2013 @ 08:13:45

      eheh no resta sempre in alto perchè tu vali…….ti abbraccio

      Rispondi

  14. teddyboys8284
    Ott 16, 2013 @ 14:25:37

    qualcuno lo attribuisce a saffo, comunque :
    Bisogna smettere di lasciarsi mangiare, quando si ha miglior sapore: questo sanno coloro che vogliono essere amati a lungo.
    Certo, vi sono delle mele acerbe il cui destino è di aspettare fino all’ultimo giorno d’autunno: e diventano contemporaneamente mature, gialle e appassite.
    A taluni invecchia prima il cuore, ad altri lo spirito. E taluni sono vecchi in gioventù: ma chi è giovane tardi si mantiene giovane a lungo.
    La vita per qualcuno ha un destino infelice: un verme velenoso gli rode il cuore. Così possa scorgere quanto gli è molto più facile morire.
    Qualcuno non diventa mai dolce; imputridisce già durante l’estate. È solo la vigliaccheria che lo tiene attaccato al suo ramo.
    Troppa gente vive e troppo a lungo resta attaccata al suo ramo. Possa venire una bufera, che scuota dall’albero tutti i frutti putridi e rosi dal verme”
    Nietzsche

    Rispondi

  15. ludmillarte
    Ott 16, 2013 @ 14:36:51

    che bella questa metafora! ciò che è migliore non sempre è a portata di mano e lo si raggiunge facilmente. è saggio che le mele in alto sappiano attendere. forse ne sarà valsa la pena. ciao Sara, baciotti

    Rispondi

  16. Michele
    Ott 16, 2013 @ 14:59:11

    ecco perché non dimentico mai di portare una bella scala lunga 😉

    Rispondi

  17. ili6
    Ott 16, 2013 @ 15:04:46

    Questa storiella della donna che esce dalla costola mi dà un fastidio che non immagini. Ma ne siamo sicuri?? Chi l’ha vista??
    Mi rifiuto di raccontarla e tramandarla: voglio prove fotografiche e genetiche e antropologiche!

    Rispondi

  18. newwhitebear
    Ott 16, 2013 @ 15:59:11

    Già fanno fatica a chinarsi per raccogliere quelle cadute, figuriamoci se prendono la scala che pesa per arrivare a quelle in cima all’albero.
    Se una di loro sta cadendo e per isbaglio un uomo è proprio lì in quell’istante, allora forse, dico forse, la prendono al volo.
    Quattro morsi e il torsolo nel rusco (per chi non sa il significato è la spazzatura). Qualcuna avvizzisce e finisce nel differenziato. Altre sono baccate e finiscono pure loro nella spazzatura.
    Male termpera currunt. Gli uomini di un tempo (ammesso che siano esistiti) si sono estinti.
    Dolce pomeriggio
    Un grande abbraccio

    Rispondi

  19. Daisy Fairydust
    Ott 16, 2013 @ 16:13:12

    Semplicemente meravigliosa e reale al 10000% … 🙂 Dolcissima, come sempre! :-*****

    Rispondi

  20. ilgattosyl
    Ott 16, 2013 @ 17:27:54

    c’è un errore di fondo…gli uomini preferiscono le pere…eheheheh 😉

    Rispondi

  21. edoardoprimo
    Ott 16, 2013 @ 20:13:41

    Ciao Sara
    questo è il periodo del caco mela

    Quando è maturo è una favola. l’albero è basso e si arriva anche in cima facilmente. 😉
    Edo

    Rispondi

  22. dupont651
    Ott 16, 2013 @ 20:52:24

    Bello questo scritto. A suo tempo lo avevo dedicato ad una cara amica!
    Ciao un bacio
    Marta

    Rispondi

  23. Leonardo Ricciardi
    Ott 16, 2013 @ 21:18:10

    credo che ci sia posto per tutte le mele.. 🙂 conosco ragazze “bruttine” che hanno personalità travolgenti, e bellissime ragazze fredde e algide come ghiaccioli, che spargono il freddo con lo sguardo… mai dire mai.. c’è posto per tutti a questo mondo, basta non buttarsi troppo giù, o non pensare di essere chissà chi.. 😀
    buona serata..

    Rispondi

  24. gianpiccoli
    Ott 17, 2013 @ 16:07:43

    400 anni fa era così …
    Non commento, perchè dopo 400 anni …
    Giancarlo

    Rispondi

  25. greta
    Mar 23, 2015 @ 22:55:40

    Bellissima poesia ma la scritta Saffo altro che SHAKESPEARE!!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: